C’è potere e potere.

Il 3 settembre 1982 morivano, sotto i colpi della mafia, il generale Carlo Alberto dalla Chiesa, la moglie Emanuela Setti Carraro e l’agente Domenico Russo. Di lui ricordo una riflessione, riportata dal figlio Nando in un suo libro, sulle due possibili accezioni del termine “potere”. Potere come sostantivo, che descrive una posizione di supremazia su altre persone oppure su un’intera comunità, e potere come verbo, che indica la possibilità di esprimere la propria personalità senza soggiacere alla prepotenza degli altri. Ovviamente lui, come tutti gli uomini portatori di ideali, preferiva questo secondo significato ed incitava, nei suoi discorsi, tutte le persone oneste della Sicilia a riappropriarsi della libertà di “poter” fare, di “poter” essere. In definitiva, il “potere” può essere la massima espressione della tirannia oppure il trionfo della libertà, dipende dal significato che gli si attribuisce.

40808584_1992021514191779_5315840533602500608_n

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.