La Repubblica – Firenze – 3 luglio 2016

“In un tempo in cui la cronaca nera è all’ordine del giorno e riempie i palinsesti televisivi scadendo, spesso, in uno sfrenato voyeurismo leggere un buon romanzo noir, uno di quelli che tiene con il fiato sospeso il lettore fino all’ultima pagina, non è cosa da poco”. (La Repubblica – Firenze)

rep fi